Lettera aperta al Signor Capo della Polizia

Capo della polizia

Condividi

Il nostro sindacato si rivolge a Lei come già in passato, in quanto con i suoi interventi Lei ha sempre dipanato intricate matasse mediatiche fornendoci risposte pronte e concrete.

Dallo scorso mese di gennaio, 3443 ragazze e ragazzi provenienti dalla vita civile (ricompresi nella fascia di punteggio agli scritti da 10,00 a 9,625)., sono stati chiamati a sostenere le prove successive e 1600 di essi sono stati dichiarati idonei. Di questi però solo 1155 sono da considerarsi ad ogni effetto come vincitori e proprio nella giornata odierna inizieranno il corso di formazione presso le Scuole Allievi Agenti della Polizia di Stato.

I rimanenti (circa 450) verranno chiamati solo nel caso in cui il Dipartimento della P.S. disponga l’assunzione di ulteriore personale.

A seguito della pubblicazione della graduatoria di merito dei vincitori, come nelle altre fasi di questo concorso, c’è stata una diffusione pubblica di informazioni, indiscrezioni, notizie smentite e poi riconfermate sul “destino” di questi 450 ragazze e ragazzi denominati INV (Idonei Non Vincitori), i quali pur avendo superato brillantemente la prova scritta (punteggi compresi tra 9.750 e 9.625), aver superato le prova fisiche, le visite mediche e psichiatriche nonché tutti i test attitudinali rischiano di veder cancellati tutti i loro sogni di diventare poliziotti senza lo scorrimento delle graduatorie.

Una perdita di risorse umane di alta qualità che deve assolutamente essere evitata.

Appare evidente infatti che in osservanza del principio costituzionale di buon andamento, la decisione dell’Amministrazione, di favorire lo scorrimento della graduatoria (preesistente ed efficace) è senz’altro più favorevole rispetto al bandire un nuovo concorso che dovrebbe costituire invece l’eccezione dato che comporterebbe ulteriori notevoli costi per la pubblica amministrazione.

L’ANIP- ITALIA SICURA Le chiede che per la copertura delle certe e future necessità di organico, si utilizzino le graduatorie di merito dell’ultimo concorso (attraverso la modalità dello “scorrimento” come anche da Lei più volte ribadito in occasione di alcuni incontri sindacali) sia per quanto riguarda i 450 (Idonei Non Vincitori) che per gli altri concorrenti che hanno superato la prova scritta.

Il Segretario Generale Vicario Nazionale
Teresa Longobardi

Scarica il comunicato

Lascia un commento