ANIP – Italia Sicura
Comunicati Sindacato

F.E.S.I. 2020 – raggiunta l’intesa propedeutica alla firma dell’accordo

Nella mattinata odierna si è tenuta la riunione, in videoconferenza, tra le OO.SS. e una delegazione dell’Amministrazione – rappresentata dal direttore dell’Ufficio per le Relazioni Sindacali – per il raggiungimento dell’intesa propedeutica alla firma dell’Accordo per l’utilizzazione delle risorse previste dal Fondo per l’efficienza servizi istituzionali anno 2020.

Le somme attualmente a disposizione per il FESI 2020 sono pari a euro 140.802.321,00, in ragione delle risorse aggiuntive di cui al DPCM del 21.03.2018 che, per il 2020, ammontano a euro 22.026.912,00 (rispetto ai 14.684.608,00 del 2019).

Verrà riconosciuta: la cumulabilità dell’indennità di ordine pubblico per servizi dettati dall’emergenza epidemiologica da Covid-19 con il compenso per i turni serali e notturni di controllo del territorio; il beneficio della produttività collettiva anche in occasione della fruizione dei diversi istituti introdotti per in contenimento della pandemia da Covid-19, quali il lavoro agile, la dispensa dal servizio, l’isolamento, la quarantena… (art. 87, commi 6 e 7 del DL17 marzo 2020, n. 18); nonché le assenza dei genitori per visite specialistiche di figli minori e il riconoscimento della doppia presenza giornaliera in costanza di due turni di lavoro, anche non continuativi.

È stato spiegato che il ritardo accumulato è stato causato da lungaggini afferenti uffici territoriali nel caricamento dei dati.

Per accelerare i temi per l’erogazione delle risorse, si è convenuto quindi di rimandare l’introduzione di nuove fattispecie da remunerare, privilegiando l’incremento di voci già esistenti, specificatamente l’innalzamento del cambio turno da € 8,70 a € 10,00 e della presenza giornaliera (produttività collettiva) da € 4,80 a € 4,92.

Pertanto gli importi aggiornatati degli emolumenti del FESI saranno:

  • € 17,50 per ciascun turno di reperibilità;
  • € 10,00 per ogni cambio turno (incrementato);
  • € 6,40 per ciascun servizio reso in alta montagna;
  • € 50,83 quale compenso mensile per cambi turno per i Reparti Mobili;
  • € 4,92 giornaliere per effettiva presenza – produttività collettiva (incrementato);
  • € 5,00 per il turno serale di controllo del territorio;
  • € 10,00 per il turno notturno di controllo del territorio.

Come Federazione SILP CGIL – UIL Polizia abbiamo ribadito l’esigenza di estendere con il prossimo accordo il compenso per il controllo del territorio ad altre fattispecie lavorative (Squadre Mobili, Digos, Uffici Immigrazione, Polizia Scientifica, Rpc etc.), quale forma di riconoscimento del servizio reso in attività e orari disagevoli, tenuto conto che in passato tale ampliamento risultava impraticabile considerata l’esiguità delle risorse disponibili.

È stata richiesta la corresponsione degli emolumenti del Fondo senza ritardo per il personale in quiescenza, al pari di quelli in servizio.

Come avvenuto per il FESI anno 2019, anche per il FESI 2020 è disponibile uno stanziamento aggiuntivo e straordinario di risorse economiche, originato dalla quota parte dei 210 milioni di euro (lordo Amministrazione) di cui all’art. 1, comma 1, della Legge 145/2018, destinati complessivamente per il rinnovo del contratto di lavoro delle Forze del Comparto Sicurezza/Difesa e che, nelle more della sua sottoscrizione, vengono destinate al FESI, con decreto del MEF.

Per tali risorse – la cui quota parte per la Polizia di Stato è quasi 33 milioni di euro (lordo dipendente) –, abbiamo rivendicato come unica destinazione l’integrazione della produttività collettiva, che verrà corrisposta nei mesi succevi.

Per tali risorse – la cui quota parte per la Polizia di Stato è circa 32 milioni di euro (lordo dipendente) –, non appena saranno esigibili si procederà alla loro destinazione per ristorare prestazioni lavorative del personale.

Ricordiamo che tale allocazione – di cui lo scorso anno siamo stati i promotori – ha permesso una corresponsione aggiuntiva per la produttività collettiva, per tutti gli operatori, di una somma significativa in base alle presenze effettive.

Siamo soddisfatti che anche quest’anno vi sia stata convergenza dell’Amministrazione e delle OO.SS. su tale soluzione, che riteniamo di buon senso, con cui verrà ristorato in modo equo tutto il personale che con la sua opera giornaliera garantisce il buon funzionamento di ogni – imprescindibile – settore della Polizia di Stato.

Come Federazione SILP CGIL – UIL Polizia abbiamo sollecitato l’Amministrazione ad accelerare tutte le procedure affinché si possa pervenire al pagamento degli emolumenti entro il mese di giugno, anche attraverso un’emissione speciale.

Roma, 9 giugno 2021

Articoli correlati

Direzione Investigativa Antimafia: la rivolta per la T.E.A.

Red. Web Anip

Rapporto Istat: scende l’inflazione ma pane e pasta aumentano

Red. Web Anip

25 anni di ANIP – Associazione Ispettori, Ispettori Tecnici, Direttivi e Dirigenti

Red. Web Anip

Lascia un commento