Funzionari si o Funzionari no

Condividi

Il Questore di Roma insieme ai “vertici” della Questura, non ha ASSOLUTAMENTE RECEPITO o sembrerebbe non aver avuto notizia della revisione dei Ruoli ( D.Lgs. 95/2017) e continua a porre in essere gravissimi atti discriminatori nei confronti di coloro che hanno vinto il primo concorso per Vice Commissari.

Il Capo della Polizia, nel suo discorso durante la cerimonia conclusiva del corso (che ha avuto cassa di risonanza in tutta Italia) ha perentoriamente ordinato a tutti i dirigenti e responsabili il rispetto dovuto nei confronti dei neo-funzionari, del loro ruolo e della loro professionalità.

… oggi voi riceverete la sciarpa tricolore che è in senso assoluto il segno più identitario del nostro essere funzionari di polizia…” e ”voi siete a tutti gli effetti funzionari della Polizia di Stato e guai a coloro i quali sul territorio come al Dipartimento dovessero disperdere questo patrimonio…” e ancora “... tutti coloro i quali non sapranno cogliere questa opportunità soprattutto tra chi avrà la responsabilità della vostra direzione non avrà dato compiuto senso al suo ruolo di dirigente e su questo il Dipartimento e il Capo della Polizia sarà particolarmente attento…

Il D.Lgs n. 334 del 2000 all’art. 2, in particolare prevede: ”Gli appartenenti alla carriera dei funzionari fino alla qualifica di commissario capo rivestono le qualifiche di ufficiale di pubblica sicurezza e di ufficiale di polizia giudiziaria…

… Il medesimo personale è il diretto collaboratore degli appartenenti alle qualifiche superiori della stessa carriera e li sostituisce nella direzione di uffici e reparti in caso di assenza o impedimento…”.

Il Questore di Roma invece, nonostante la legge e le successive disposizioni del Capo della Polizia, demansiona e permette il demansionamento da parte degli altri vertici della Questura, dei nuovi funzionari di P.S.

In particolare, un esempio su tutti e fuori dalla realtà, anche in violazione della legge, dei regolamenti e delle direttive, il Questore di Roma disconosce la qualità di ufficiale e funzionario di P.S. di questi Vice Commissari e Commissari, ordina o fa ordinare che: “… Per le funzioni ed i servizi che richiedono l’indispensabile presenza del funzionario di P.S., giusta circolare Cat. B1a del 02 ottobre 2008, la S. V. verrà sostituita…”.

Una “sostituzione a scavalco” del Dirigente di un ufficio con funzionari di altri uffici illegittima ed arbitraria aggravata dal fatto che nei Commissariati e negli altri Uffici della Capitale grazie all’incremento di funzionari del concorso de quo, adesso ci sono almeno 2 nuovi funzionari in servizio disponibili.

La Questura di Roma da esempio per tutte le Questure ed Uffici d’Italia viene così retrocessa a fanalino di coda dato che ovunque la funzione di ufficiale di P.S. viene rispettata.

Una grave discriminazione e un aberrante disconoscimento professionale che non può essere ammesso e che richiede una immediata rimozione delle disposizioni contra legem in atto.

Roma, 8 agosto 2018

Il Segretario Generale Provinciale di Roma
dott. Flavio Tuzi

Scarica il comunicato

Lascia un commento